Expodental: appuntamento clou dell’odontoiatria italiana

305
Expodental
credit: www.vecteezy.com

Torna l’appuntamento con Expodental Meeting, dal 17 al 19 maggio a Rimini, l’evento che ormai si è affermato come punto di riferimento per il settore dentale italiano.

Gli ottimi risultati dell’anno scorso – l’incremento dei visitatori rispetto al 2016 è stato del 23% – hanno confermato il trend positivo e ci hanno spinto a continuare sulla strada del miglioramento e dell’innovazione del format.

Le aziende hanno ripreso fiducia nella manifestazione, e ad oggi gli espositori confermati sono già quasi 300, mentre i metri quadri venduti registrano un incremento del 20% rispetto alla scorsa edizione.

La grande scommessa della rassegna riminese si sta rivelando vincente, complice anche la buona ripresa del settore nel suo insieme.

La fiera è uno specchio del settore: i corridoi brulicanti di visitatori, gli stand pieni, le sale affollate, la soddisfazione degli espositori e l’atmosfera di ottimismo che si respira tra i corridoi di Rimini Fiera sono più eloquenti dei numeri delle ricerche di mercato.

Quest’anno i preziosi suggerimenti arrivati dagli oltre 18.000 visitatori accorsi lo scorso anno da tutta Italia (e dall’estero!) ci hanno portato a posticipare l’orario di apertura alle ore 10.00 (tutti i giorni) e di chiusura (venerdì fino alle 20.00 e il sabato fino alle 18.00): tutto questo per consentire agli addetti ai lavori una visita accurata, ottimizzando le giornate trascorse tra gli stand e nelle sale congressuali, ma anche per prendersi il tempo di “fare networking” con colleghi e collaboratori negli stand durante i cocktail serali.

Expodental: formazione per tutto il team

Expodental è un punto d’incontro per i professionisti del settore, un momento di formazione estremamente completo, destinato a tutte le figure professionali del dentale.

Ci saranno diversi corsi accreditati ECM gratuiti per gli odontoiatri, eventi per gli odontotecnici, sale dedicate al marketing e alla comunicazione, corsi di formazione per igienisti dentali e ASO.

Tutte le più importanti associazioni del settore sono coinvolte, tantissime università hanno messo a disposizione i loro relatori, e le aziende arricchiranno il programma con i loro workshop.

Tra i partner storici che hanno riconfermato la loro presenza, torneranno l’International Piezoelectric Surgery Academy, presieduta dal Prof. Di Lenarda, con un focus sulla riabilitazione minimamente invasiva del mascellare superiore; GISOS, il Gruppo Italiano Studio Osteointegrazione e OsteoSintesi, tornerà con un evento sulla prevenzione e cura delle lesioni del cavo orale.

Come tutti gli anni, la Fondazione ANDI svolgerà in fiera il corso base di volontariato e cooperazione odontoiatrica internazionale.

ANTLO sarà presente sia insieme ad AIOM (Accademia Italiana di Odontoiatria Microscopica) che con due giornate interamente dedicate all’odontotecnica.

Partecipano per la prima volta SILO (Società Italiana di Laser in Odontostomatologia) e AIOLA (Accademia Internazionale Odontostomatologia Laser Assistita) proponendo una full immersionsulle applicazioni del laser in odontostomatologia; le Università di Chieti, di Ancona e di Bologna saranno presenti con AIC (Accademia Italiana di Conservativa) e SIDOC (Società Italiana di Odontoiatria Conservativa) per un evento sull’odontoiatria conservativa.

I relatori dell’Università “Sapienza” di Roma interverranno con un approfondimento sulla terapia parodontale chirurgica e non all’interfaccia con i tessuti molli.

Per quanto riguarda la formazione non clinica, anche quest’anno verranno proposti corsi sul marketing odontoiatrico e sul management dello studio a cura di Ekis-Accademia per lo Sviluppo Imprenditoriale dello Studio Dentistico e Ideandum, oltre ad eventi su temi di attualità, come quello proposto da Odontoiatria33 sul trend tecnologico che sta investendo il settore.

Il giovedì è previsto un approfondimento a cura di UNIDI sugli operatori economici nel quadro dei nuovi regolamenti sui dispositivi medici.

Expodental

Associazioni presenti

Tra i protagonisti della prossima edizione non potevano mancare gli Amici di Brugg, che ritornano in una sede storica per l’associazione.

Si svolgerà infatti, nella sale all’ingresso SUD, nell’area dedicata all’associazione Amici di Brugg, il tradizionale evento multidisciplinare dedicato a odontoiatri e odontotecnici.

Ma non solo, gli Amici di Brugg dedicheranno un evento gratuito nella sale in padiglione anche alla categoria degli igienisti e affiancheranno AIASO per la formazione rivolta agli assistenti di studio, con una relazione sui nuovi protocolli operativi per la professione tra clinica e tecnologia.

Quest’anno siamo particolarmente fieri di ospitare a Expodental Meeting un importante progetto realizzato da ANDI, COI AIOG, Fondazione ANDI e SIOH, con il supporto di UNIDI, e con il patrocinio della CAO Nazionale.

Cervical Xray, Lateral View

Il progetto, intitolato “L’Odontoiatria nei soggetti fragili e nei pazienti con patologie sistemiche”, risponderà all’esigenza di approfondire e sviluppare gli aspetti del trattamento odontoiatrico dei e nei pazienti vulnerabili e affetti da patologie sistemiche.

Il progetto, avendo ben chiaro i principi etici e deontologici, si articolerà in più incontri, sotto forma di workshop, tutti accreditati ECM: in ogni incontro verranno sviluppate una serie di indicazioni cliniche sul corretto approccio al paziente con patologie sistemiche, indicando come per alcune di esse vi sia la possibilità di poter avere elementi di diagnosi con la visita odontoiatrica.

Verranno inoltre sottolineati e approfonditi gli aspetti legati alla presa in carico dei pazienti fragili.

Odontoiatria digitale

Quando nel 2017 abbiamo avviato il progetto EXPO3D, l’area dedicata alle tecnologie digitali applicate all’odontoiatria, siamo partiti dalla convinzione che queste nuove tecnologie avranno un ruolo sempre più importante nel futuro del nostro settore.

In Italia la protesi proveniente da flusso digitale riguarda ormai circa il 50% dei manufatti protesici; la crescita è stata esponenziale negli ultimi tre anni: poco meno dell’80% degli studi italiani propone ai propri pazienti protesi proveniente da flusso digitale, ma è importante notare come tale percentuale fosse del 57% nel 2016 e del 36% nel 2015.

E, complice anche il super ammortamento, le previsioni nel breve termine parlano di una crescita davvero significativa.

Lo scopo di un evento come EXPO3D è di aiutare i professionisti nel passaggio, offrendo loro una visione completa del mercato e una formazione scientifica di altissimo livello.

In questa edizione daremo ancora più rilevanza all’odontoiatria digitale con l’area EXPO3D, all’interno della quale, oltre ad una vasta esposizione di dispositivi tecnologicamente evoluti, avrà luogo un ricco programma scientifico-formativo condotto da decine di relatori d’eccellenza.

“Convertirsi al digitale: un obbligo o una scelta?”sarà la domanda da cui partiranno i relatori della Digital Dental Academy; torneranno, proponendo un programma congiunto, AIOP, l’Università Vita Salute San Raffaele e l’Università di Siena, con una giornata sull’odontoiatria digitale dalla ricerca alla clinica; tra le principali novità di quest’anno, un’importante nuova partnership con SIDO (Società Italiana di Ortodonzia) permetterà di mettere al centro l’ortodonzia, uno dei comparti maggiormente coinvolti nella digitalizzazione del settore.

Delle implicazioni economiche e di marketing del passaggio al digitale si occuperà il prof. Antonio Pelliccia.

Per sottolinearne il ruolo centrale, EXPO3D sarà localizzata all’ingresso della manifestazione, in modo da consentire ai visitatori di accedervi prima di entrare nei padiglioni fieristici veri e propri.

Occasione da non perdere

In un settore in piena evoluzione come il nostro, i dentisti non possono prescindere dall’aggiornamento per garantire ai loro pazienti delle prestazioni di elevata qualità – ma questo vale anche le figure professionali collegate, odontotecnico, igienista e assistenti.

Il professionista italiano ha una duplice fortuna: l’odontoiatria nostrana è una vera eccellenza internazionale, vantiamo relatori apprezzati in tutto il mondo.

Non c’è bisogno di andare chissà dove per ricevere della formazione con la f maiuscola! Lo stesso discorso vale per l’industria dentale italiana, che UNIDI è fiera di rappresentare, e che, seconda solo a quella della Germania e degli Stati Uniti, è famosa e apprezzata in tutto il mondo.

Occasioni come Expodental Meeting sono preziose perché permettono di aggiornarsi su più fronti: dai prodotti di ultima generazione alla formazione scientifica e culturale.

 “Le aziende hanno ripreso fiducia nella manifestazione, e ad oggi gli espositori confermati sono già quasi 300, mentre i metri quadri venduti registrano un incremento del 20% rispetto alla scorsa edizione.

La grande scommessa della rassegna riminese si sta rivelando vincente, complice anche la buona ripresa del settore nel suo insieme”