La trasversalità del settore odontoiatrico

218
Immagine: www.vecteezy.com

Sono laureata in legge e attualmente gestisco un poliambulatorio odontoiatrico. Ci si potrebbe chiedere che cosa abbia spinto un avvocato, appassionato di diritto civile, ad avvicinarsi ad un settore completamente diverso da quello di partenza: sembrerebbe, infatti, che non vi sia alcuna attinenza tra le due realtà.

Tuttavia, l’esperimento si è rivelato particolarmente interessante e ha determinato una evoluzione professionale inaspettata. Qualche anno fa, dopo avere seguito il tradizionale percorso di studi in legge (laurea, esame di stato, concorsi) ho iniziato a collaborare all’interno del poliambulatorio odontoiatrico di proprietà della mia famiglia, una realtà dinamica e complessa, situata in provincia di Milano.

Mi sono, così, trovata coinvolta in un settore dal quale mi ero consapevolmente allontanata ai tempi della scelta del percorso di studi perché io, figlia di un medico odontoiatra e di un odontotecnico, non volevo fare il dentista. Come molti, ero caduta nell’errore che l’odontoiatria fosse un settore estremamente chiuso in sé stesso: nulla di più sbagliato.

Vivendo l’attività di famiglia in prima linea mi sono resa conto, dopo poco tempo, che il settore dentale è una realtà estremamente complessa che coinvolge aziende, centri di ricerca, laboratori odontotecnici, università, studi professionali, odontoiatri e medici altamente specializzati. Attorno a questo mondo ruota, poi, tutto l’indotto di professionisti tra cui consulenti legali, commercialisti, giuslavoristi, consulenti informatici e gestionali, solo per citarne alcuni, che svolgono un ruolo di supporto a studi, cliniche, laboratori e aziende.

Questo contesto professionale, inoltre, risulta essere caratterizzato da una forte presenza femminile a tutti i livelli e, di conseguenza, consente di valorizzare il ruolo professionale delle donne, esigenza sempre più attuale e sentita nel mondo del lavoro.

Complice il mio percorso di studi, ho iniziato approfondendo le questioni più affini alla mia formazione, passando poi agli aspetti più manageriali tipici della gestione di uno studio complesso. Viviamo in un’epoca caratterizzata da rapidi e continui cambiamenti che rendono fondamentale per qualunque imprenditore la capacità di sapersi adattare non solo alle frequenti modifiche normative, ma anche ad un mercato altamente concorrenziale.

Sembra necessario, quindi, sviluppare una visione imprenditoriale che tenga conto delle moderne tecniche di approccio al paziente, delle evoluzioni del settore e dei soggetti giuridici coinvolti nello specifico mercato, nonché delle influenze internazionali provenienti dagli altri Paesi. Occorre infatti tenere presente che viviamo in un mondo sempre più globalizzato dove anche i flussi digitali assumono ogni giorno maggiore rilevanza.

È evidente che la particolare complessità normativa del settore e soprattutto l’esigenza dei medici e degli odontoiatri di dedicare il maggior tempo possibile ai propri pazienti, senza avere altre preoccupazioni, abbiano contribuito a rendere indispensabile l’attività di diversi professionisti e consulenti ai fini del sereno svolgimento della attività clinica.

Dalla mia esperienza è emerso che in questo settore, come in molti altri del resto, per fare la differenza e per garantire prestazioni di qualità sempre più elevata sia necessario diffondere una politica basata sulla cooperazione tra professionisti, da attuarsi mediante la costituzione di studi associati, organizzati nelle numerose forme giuridiche che il nostro ordinamento contempla.

Tali forme organizzate potrebbero altresì coinvolgere attivamente aziende e laboratori tecnici. Per concludere, la trasversalità del settore odontoiatrico, intesa come possibilità di affrontare questioni e tematiche attinenti a materie eterogenee, è la caratteristica che ha suscitato in me maggiore interesse e curiosità e che mi ha spinta ad ampliare nel tempo le competenze con l’obiettivo di dare sempre un maggior contributo alla struttura con cui collaboro e di consolidare la mia professionalità. ●