Agenzia delle Entrate contesta come compensi alcuni versamenti in contanti effettuati su un conto corrente che non uso per la professione. È legittima tale contestazione?

58
Profile side view of brunet bearded guy ceo boss chief executive designer, professional expert specialist sitting in front of screen creating web site at wooden industrial interior work place station

A seguito di un controllo dell’Agenzia delle Entrate mi sono stati contestati come compensi alcuni versamenti in contanti effettuati su un conto corrente a me intestato, ma che non uso per la professione. È legittima tale contestazione?

In caso di indagini finanziarie il fisco considera compensi o ricavi tutti quei versamenti che non sono confluiti nella relativa contabilità della professione o dell’attività imprenditoriale o comunque non hanno concorso alla determinazione del reddito imponibile.

A questa presunzione è ammesso, per il contribuente, fornire adeguata giustificazione come ad esempio: “somme estranee all’attività professionale”; “trasferimento di fondi”; ecc. È compito del contribuente fornire una giustificazione (trattasi di uno dei pochi casi di “inversione dell’onere probatorio”) e il solo fatto che il conto sia utilizzato per esigenze personali o familiari (e non sia dunque quello destinato ad accogliere introiti professionali e pagare le relative spese), non viene normalmente ritenuta una giustificazione valida.

Infatti, il professionista ha la capacità di far affluire le somme introitate in tutti i conti di cui abbia la disponibilità. Il concetto di disponibilità deve essere esteso anche ai conti a lui non direttamente intestati ma per i quali ne sia di fatto il “gestore”, anche se non esclusivo.

In definitiva, non esiste una casistica fissa ma sussiste il principio base di fornire al fisco prova che i versamenti non siano rilevanti nella determinazione del reddito imponibile (così anche per l’imponibile Iva, se applicabile) o che di essi lo stesso contribuente ne abbia già tenuto conto in sede di dichiarazione.

In difetto di questa prova, si può procedere al recupero dell’imposta evasa con sanzioni e interessi.