La salute come scelta e come risultato: lo stile di vita

69
alimentazione

2. Lo stile di vita

Sul numero di maggio di Doctor OS abbiamo trattato il problema della postura e del posizionamento, quali elementi essenziali nel mantenere in ottime condizioni il nostro fisico, strumento base di tutta l’attività professionale odontoiatrica. Abbiamo anche, sinteticamente, suggerito le misure fondamentali per esercitarci sia in momenti intra-professionali (tra un paziente e l’altro) che con pratiche quotidiane di specifica attività fisica compensatoria.

Il mantenimento di una condizione fisica ottimale è però condizionato da una serie di misure relativamente numerose, e che, nel complesso, portano il titolo riassuntivo di “stile di vita”. In questo campo l’opportunità migliore è quella di seguire la guida più preziosa ed autorevole, costituita dalle norme prescritte dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

L’OMS, nel trattare questo argomento, divide le malattie in due categorie, quella delle trasmissibili e quella delle non-trasmissibili. Per quanto riguarda come difenderci dalle trasmissibili, tipo l’attualissimo Covid-19, esistono modalità e prescrizioni specifiche, ben note ad ogni medico e per le quali l’attuale pandemia ne è un tipico esempio.

Ben diverso è il problema delle non-trasmissibili, per le quali l’OMS prescrive dettagliate contromisure, costituite da suggerimenti operativi, sia in positivo che in negativo.
Specificamente trattasi delle seguenti 9 “regole d’oro”.

  1. praticare attività fisica sistematica;
  2. mangiare sano;
  3. non fumare;
  4. non bere alcolici;
  5. vaccinarsi;
  6. sesso sicuro;
  7. ridurre lo stress;
  8. sicurezza stradale;
  9. buona igiene quotidiana.

 

  1. Attività fisica
    La consideriamo già trattata sul numero precedente di Doctor OS. Preme ora soltanto sottolineare come l’OMS ponga questa raccomandazione quale prioritaria rispetto a tutte le altre, dal momento che il nostro complesso psico-fisico, con l’attività fisica sistematica, migliora in modo totale, rendendo più facili ad applicarsi, e più efficaci, anche tutte le altre otto regole suggerite.
  2. Mangiare sano
    Significa seguire una dieta bilanciata ed affidabile: in altre parole, tutti dobbiamo alimentarci adeguatamente, lungo l’arco di tutta la vita. Il dentista ha qualche particolare problema, legato alla professione di tipo sedentario ed al continuo stress cui è sottoposto. Da questi presupposti negativi nascono numerose conseguenze. Tra queste, principalmente, sono da citare i radicali liberi, che, in condizioni stressanti, vengono prodotti in notevole quantità. Per combattere vittoriosamente questi pericoli devono essere poste in atto due principali misure-chiave:

    1. una dieta ben bilanciata “per sé”;
    2. una supplementazione specifica di vitamine e minerali.

La dieta ben bilanciata classica prevede un corretto rapporto carboidrati, lipidi, proteine, un corretto apporto calorico quotidiano, e, infine, un corretto apporto di vitamine e sali minerali. Questi “classici” suggerimenti, esposti più o meno sinteticamente, rischiano tuttavia di essere troppo teorici ed astratti. Perciò essi vanno tradotti in consigli concreti, praticamente applicabili. Per tale ragione noi suggeriamo che si debbano seguire questi semplici 5 principi operativi fondamentali:

      1. pesarsi tutti i giorni, al mattino, nelle medesime condizioni-base, scrivendo il proprio peso su di un grafico;
      2. fare una colazione abbondante, un pranzo medio, una cena molto modesta, perché questo è l’unico modo per sintonizzare apporto calorico e ritmo metabolico circadiano;
      3. mangiare almeno 5 porzioni al giorno di frutta e/o vegetali freschi, come, ad esempio, una grossa mela a colazione, un altro frutto a metà mattina, una grossa porzione di insalata mista a pranzo, un altro frutto a merenda, altra verdura a cena. Questo consente il miglior apporto naturale di vitamine e di antiossidanti;
      4. bere molta acqua, come un litro di mattina ed un altro di pomeriggio-sera; mai fredda ma sempre tiepida; questo è il miglior sistema per facilitare la digestione, assicurare la buona idratazione dei tessuti, ridurre il senso di fame, facilitare l’evacuazione;
      5. assumere una supplementazione di vitamine e minerali, ogni giorno e per tutta la vita. Diciamo questo perché le attuali condizioni standard degli alimenti del commercio non garantiscono più (se pur, mai, l’abbiano garantito!) un apporto sicuro di vitamine e minerali naturali, indispensabili alla lotta contro i radicali liberi, ossidanti responsabili dell’invecchiamento, di danni al sistema cardio-circolatorio, e di certi tipi di cancro.

Non volendo deliberatamente suggerire supplementazioni specifiche al riguardo, riteniamo possano essere utili, in linea generale, i polivitaminici più diffusi in commercio.

3-4.Non fumare, non bere alcolici
Naturalmente a tutto quanto abbiamo sopra esposto, per il mantenimento della buona salute, vanno aggiunti altri, ed ovvi, elementi integranti sinergici, quali l’eliminazione, totale e definitiva del fumo, inaccettabile in qualsiasi quantità. Quanto agli alcoolici se ne prescrive la drastica riduzione, insieme a quella delle bibite stimolanti e degli psicofarmaci auto-prescritti, purtroppo oggi largamente diffusi.

5. Vaccinarsi
È una raccomandazione attuale e validissima. Il rifiuto della vaccinazione va considerato un’autentica mancanza di cautela verso sé stessi e verso la comunità nella quale si vive. Mancanza di vaccinazione significa potersi infettare e poter diffondere i contagi nella propria comunità.

6. Sesso sicuro
Significa, in concreto, riguardarsi dai rapporti occasionali, praticando il sesso con dichiarata (e richiesta) sicurezza reciproca e protetta.

7. Ridurre lo stress
In una professione come la nostra, è davvero un suggerimento specifico e prezioso, ma ben lontano dal potersi considerare facilmente attuabile. Si pensi soltanto che la nostra professione, in un ampio elenco comparativo, viene considerata tra le più stressogene in sé e per sé, stressogena dall’inizio, fino dagli anni del primo approccio studentesco. Un valido e fondamentale meccanismo protettivo, come sempre, viene considerato il sonno di 6-8 ore, condizionato da ore dedicate in modo costante e non trasgredito. Parallelamente grande valore hanno tutti i comportamenti che combattono gli stress tossici e, al contrario, sulla capacità di coltivare il cosiddetto “stress” tonico, basato su progetti di vita stimolanti e positivi, come musica, visite a musei e spettacoli “distraenti”, letture non professionali.

8. Sicurezza stradale
Potrebbe apparire un suggerimento generico e quasi superfluo, se non fosse che le statistiche documentano gli incidenti stradali come fortemente frequenti nelle età estreme, cioè tra i venticinque-trenta anni ed oltre i settanta. Date le condizioni sempre più pericolose, per l’aumento del traffico, della densità auto e motociclistica, nonché delle spesso precarie condizioni all’interno delle città, tutto questo esorta concretamente ad aumentare l’attenzione alla guida, specie nei casi, estremamente frequenti, che tale guida si effettui in condizioni alterate, per alcol o farmaci disturbanti.

9. Igiene quotidiana
Per noi del mondo odontoiatrico, significa anzitutto igiene orale, per la quale abbiamo addirittura professionisti specifici, gli igienisti dentali, nonché la premura di ogni dentista affinché questa igiene venga praticata. Un particolare spesso trascurato riguarda, invece, l’igiene della persona in generale. A questo proposito, infatti, si vanno sempre più moltiplicando i suggerimenti affinché questa premura non divenga maniacale, perché, per lo più con lavaggi troppo frequenti, praticati con saponi molto “sgrassanti”, si possono ridurre le naturali capacità anti infettive dell’organismo.